La Sicilia è una delle regioni italiane più ricche di tartufi, ma in pochi lo sanno. In due anni i cavatori sono passati da una ventina a oltre 400. Il prezzo medio dei tartufi siciliani oscilla tra i 120 e i 250 euro al chilo.

La legge sulla valorizzazione del tartufo siciliano è stata approvata lo scorso anno dall’ARS ma non è stato emanato il regolamento. I cavatori per essere messi in regola devono fare un corso e ottenere un patentino, ma al momento non è possibile e gli enti disposti a fare i corsi non li possono organizzare. Con il regolamento potrebbero anche essere piantati alberi micorizzati in modo da avviare la produzione di tartufi. L’idea è di andare nei terreni abbandonati e rimboscare le aree, creando anche economia.

Ne abbiamo parlato a “Il Tao del Mattino”. Rivedi l’intervento di Alfio Grasso.