Sedici persone sono indagate nell’ambito dell’inchiesta “Interrogazione a sorpresa” che ha portato al sequestro preventivo di tre imprese con sede a Palermo, Messina e Riccione.